Wines&Spirit nel Travel Retail

Wines&Spirit nel Travel Retail

  • Posted on 11 giugno 2015
  • Case study
Condividi:

Dopo un difficile 2014, segnato da profondi cambiamenti nel mercato del cognac in Cina, il report del primo trimestre 2015 di LVMH sottolinea come l’inizio di questo anno sia stato caratterizzato da eccellenti performance negli USA e in Giappone per i brands della categoria Wines & Spirits.
A livello globale, si registra una crescita significativa per Hennessy, Belvedere e Glenmorangie. Il rafforzamento del mercato americano riguarda anche i marchi di altre aziende, come anticipato dal rapporto del 2014 di The International Wine & Spirits Research.

Travel Retail context

Focalizzandosi sugli alcolici distribuiti nel contesto del Travel Retail, il rapporto indicava però l’Europa Orientale come l’area con l’incremento di vendite più rapido.
Dimostrazione del trands è proprio la ristrutturazione appena terminata del nuovo terminale dell’ Aeroporto Chopin di Varsavia in cui i cosiddetti negozi di “nuova generazione” comprendono 800mq dedicati alla cosmesi e più di 500mq dedicati al food&beverage e al Wine&Spirits.
Notevole l’investimento in termini di spazio dedicati agli alcolici, tabacco, prodotti alimentari e confetteria.
Proprio in questo contesto, Gruppo Pozzi ha realizzato il mobile espositivo per Belvedere, l’iconica vodka di lusso prodotta nella distilleria di Żyrardów.

Travel Retail context

Non solo dunque, esposizione e contenuti ma anche stile e design: queste le qualità seguite da Aelia Polonia che afferma che “i negozi di nuova realizzazione stupiscono i passeggeri” e nel nuovo terminal “l’acquisto sarà un’esperienza unica”.
Non manca infine l’innovazione nel processo di acquisto, infatti sarà possibile prenotare il prodotto desiderato tramite il sito internet e ritirarlo poco prima della partenza, ottimizzando così lo shopping del passeggero in transito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + 17 =